Skip to main content
#sanremo #studionews #askanews #ciaousa #altrosanremo

Arriva “La Penna d’Oca del Campidoglio”, premio eco e pet friendly

Arriva “La Penna d’Oca del Campidoglio”, premio eco e pet friendlyRoma, 27 mag. (askanews) – Ogni giorno ci sono persone che dedicano una parte del loro tempo a salvaguardare l’ambiente, la natura e difendere gli animali. Ognuno fa la sua parte con i mezzi che ha a disposizione e con quell’insieme di piccoli gesti utili a proteggere e salvare il pianeta. A loro è dedicato il premio “La Penna d’Oca del Campidoglio”, che si svolgerà il 30 maggio 2024 ore 16.00 presso la Protomoteca in Campidoglio.


Volti e storie al centro di un riconoscimento speciale assegnato a tutti quelli che nella quotidianità fanno la differenza e si impegnano a sensibilizzare l’opinione pubblica tramite articoli, servizi televisivi, social, laboratori, campagne educative, iniziative solidali. Un riconoscimento che sottolinea il legame tra uomini, animali, ambiente ed ispirato proprio alle oche che 390 anni prima della nascita di Cristo salvarono Roma. Una leggenda che affonda le radici nell’antichità. Durante l’assedio dei Galli di Brennio, infatti, le oche presenti sul Campidoglio, unici animali superstiti alla fame degli assediati perché sacre a Giunone, cominciarono a starnazzare rumorosamente avvertendo del pericolo l’ex Console Marco Manlio e i romani assediati che in questo modo riuscirono a salvarsi. Da questo racconto storico alle “storie” più recenti raccontate per mano di penne d’autore, ma non solo, che ogni giorno contribuiscono alla tutela del mondo che ci circonda. Il premio, ideato dall’associazione Pet Carpet e dalla sua presidente la giornalista Federica Rinaudo, è stato fortemente voluto dal Consigliere e segretario dell’Assemblea Capitolina Fabrizio Santori, da sempre attento alle cause che uniscono “mani e zampe”. La cerimonia, realizzata grazie alla collaborazione di realtà come Giuntini e Cucciolotta, prevede la partecipazione di numerosi personaggi del mondo del giornalismo, della cultura, dello spettacolo, ma anche forze dell’ordine, studenti e cittadini che sono stati individuati per essersi distinti con impegno, dedizione, amore. Grandi protagonisti i giovani studenti di alcune scuole che con un pregevole lavoro di squadra, grazie agli insegnanti, hanno portato avanti progetti eco sostenibili per sperare in un futuro dalla parte della terra. Info www.petcarpetfestival.it

A Nemi la Sagra delle Fragole, il 2 giugno

A Nemi la Sagra delle Fragole, il 2 giugnoRoma, 22 mag. (askanews) – Con l’arrivo di giugno, Nemi si prepara a ospitare una delle sagre più amate e colorate del Lazio. La 91° edizione della Sagra delle Fragole e Mostra dei Fiori è alle porte e promette una giornata indimenticabile tra visite culturali, sfilate tradizionali e la distribuzione gratuita dei celebri frutti ma soprattutto festeggia l’entrata come uno dei Borghi più belli d’Italia.


Inoltre verrà presentata la Birra alla fragola dedicata a Nemi. Una vera “immersione” nella birra per scoprire come nasce, come si produce e conoscere il processo della lavorazione… e assaggiarne il risultato grazie ad una partnership tra il Comune di Nemi e il Birrificio Podere 676. Nel cuore della regione Lazio, a un passo da Roma Nemi si unisce ad una realtà del nostro territorio che come il Comune delle fragole è un vero tesoro: il Birrificio agricolo Podere 676.


“La Sagra delle Fragole di Nemi è molto più di una festa – dichiara il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci – è un’occasione per scoprire le tradizioni di un borgo unico, immerso nel verde del Parco dei Castelli Romani e affacciato sul suggestivo Lago di Nemi. Non mancate a questa straordinaria giornata, che porta avanti una tradizione lunga 91 anni e che quest’anno celebra anche l’importante traguardo dell’ingresso di Nemi tra i borghi più belli d’Italia”.

Roma, riapre il cinema Azzurro Scipioni: 28-5 conferenza stampa

Roma, riapre il cinema Azzurro Scipioni: 28-5 conferenza stampaRoma, 25 mag. (askanews) – In occasione della riapertura dello storico cinema di Roma, Azzurro Scipioni (via degli Scipioni 82), il 28 maggio alle 14, è in programma la conferenza stampa di presentazione.


Alla conferenza stampa interverranno Claudia Cattani, presidente di BNL BNP Paribas, Silvano Agosti, regista, sceneggiatore e fondatore del cinema Azzurro Scipioni, Corrado Azzollini, presidente di Immagine ETS, rappresentanti delle istituzioni locali. BNL BNP Paribas ha sostenuto la ristrutturazione della storica sala cinematografica romana, consentendone la riapertura e la prosecuzione delle attività.

Carceri, Rocca a inaugurazione sale operatorie Regina Coeli

Carceri, Rocca a inaugurazione sale operatorie Regina CoeliRoma, 24 mag. (askanews) – Presentati oggi alla presenza del presidente Francesco Rocca, i nuovi servizi sanitari della Casa Circondariale Regina Coeli. Si tratta dell’apertura di due sale operatorie che consentiranno interventi di chirurgia ambulatoriale, chirurgia generale, chirurgia odontostomatologica, chirurgia plastica e dermatologica, chirurgia ortopedica e di endoscopia digestiva e dell’ampliamento dei servizi clinico-diagnostici del Centro, con un importante investimento per il rifacimento degli ambienti di cura con nuovi arredi e apparecchiature elettromedicali. Nella area dedicata alla radiodiagnostica attivo anche un servizio di telecardiologia.


“Un anno fa, nel corso della mia prima visita in qualità di presidente della Regione Lazio a Regina Coeli, ho toccato con mano le condizioni disperate nelle quali operava il personale sanitario della Asl Roma 1 ed anche l’urgenza di offrire alla popolazione carceraria un’assistenza adeguata. Avevamo preso degli impegni che, a distanza di un anno, abbiamo mantenuto: grazie alla sinergia e al dialogo con il Commissario Straordinario Quintavalle e la direzione della struttura penitenziaria, abbiamo aperto le due sale operatorie presenti a Regina Coeli e fino ad ora mai utilizzate. Questo consentirà ai detenuti di poter effettuare interventi salvavita all’interno della struttura, oltre alla riattivazione di tutte le visite ambulatoriali specialistiche evitando, inoltre, le complicazioni dovute agli spostamenti fuori dal carcere. Un risultato di cui vado molto orgoglioso, nel segno dell’inclusione e delle pari opportunità di accesso alle cure e al diritto alla salute”. Così il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca. “Questa apertura è stata resa possibile da una straordinaria sinergia tra Regione Lazio, ASL Roma 1, INMP, ASL Roma 5, Provveditorato del Lazio, Abruzzo e Molise e la Direzione della Casa Circondariale. Con l’attuale apertura delle due sale operatorie, gli interventi di chirurgia saranno eseguiti in Istituto. La salute è un diritto di tutte le persone, libere o detenute, tutti dobbiamo avere le stesse opportunità di fronte alla malattia”, ha commentato il Commissario Straordinario della ASL Roma 1 Giuseppe Quintavalle.


“L’apertura di questi nuovi spazi dedicati a servizi sanitari strategici e di grande importanza quali la chirurgia ambulatoriale e l’endoscopia digestiva, rappresentano un momento di fattiva collaborazione interistituzionale e una concreta attenzione per le problematiche sanitarie della popolazione detenuta. Inoltre, per il futuro potranno garantire la possibilità di fruire di servizi di accertamento diagnostico anche per il personale dell’amministrazione”, ha dichiarato il Provveditore del Lazio Abruzzo e Molise, Maurizio Veneziano. “Grazie alla consolidata collaborazione fra le nostre Amministrazioni oggi è stato raggiunto un importante traguardo. L’offerta di servizi sanitari a favore della popolazione detenuta (e si spera, in futuro, anche del personale dell’Amministrazione) si arricchisce quantitativamente e qualitativamente in maniera significativa. La possibilità di eseguire prestazioni in sede – evitando il costoso e pericoloso trasferimento dei detenuti presso strutture sanitarie esterne – è obiettivo che produce ricadute positive anche sul lavoro del personale di Polizia penitenziaria e va a vantaggio della collettività tutta”, ha sottolineato la direttrice del Carcere Claudia Clementi.


«L’inaugurazione dei nuovi ambulatori di odontoiatria sociale e l’inizio del progetto di supporto alle attività ambulatoriali della ASL Roma 1 presso la casa circondariale di Regina Coeli si inseriscono all’interno di un intervento più strutturato da parte dell’INMP in favore della popolazione detenuta, che a pieno titolo rientra tra le fasce più vulnerabili dal punto di vista sanitario e socio-sanitario”, ha dichiarato Cristiano Camponi, Direttore Generale dell’INMP. “L’Istituto, su mandato del ministero della Salute, è infatti in procinto di firmare una convenzione di più ampio respiro con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del ministero della Giustizia, che ci vedrà coinvolti, con le aziende sanitarie competenti, presso gli istituti penitenziari di altre Regioni. L’obiettivo è duplice: da un lato promuovere la tutela della salute dei detenuti, dall’altro sperimentare e attuare modelli volti all’aumento dell’efficacia della presa in carico e dell’assistenza sanitaria delle persone ristrette nella libertà personale, anche nell’ottica del loro reinserimento sociale”. (segue)

Lazio, Rocca: con nuovo piano cinema settore ancora più strategico

Lazio, Rocca: con nuovo piano cinema settore ancora più strategicoRoma, 24 mag. (askanews) – “Mercoledì, dopo una lunga seduta, il Consiglio regionale del Lazio ha approvato il Piano triennale del cinema e dell’audiovisivo licenziato dalla Giunta regionale e poi approdato in aula. Si tratta di un importante provvedimento che dà nuova linfa a tutto il settore e a tutta la filiera del cinema e dell’audiovisivo. Un comparto strategico per l’economia e il futuro della nostra regione che vogliamo rilanciare e incentivare. Ringrazio per il lavoro svolto la responsabile della struttura Cinema e Audiovisivo, Lorenza Lei, il presidente del consiglio regionale Antonello Aurigemma, il presidente della commissione cultura e spettacolo Luciano Crea, tutti i capigruppo e i consiglieri regionali che hanno dato il via libera a questo importante provvedimento per un settore che, oltre a rappresentare un’industria di assoluto rilievo per la nostra Regione, costituisce un patrimonio artistico e culturale che appartiene a tutti”. Così il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca.


Nello specifico, il Piano triennale 2024/2027 definisce per il settore le priorità, gli obiettivi e gli strumenti regionali a disposizione del settore cinematografico e audiovisivo, coerentemente con i nuovi orientamenti definiti dalla strategia regionale e viene a costituire lo strumento quadro in cui viene descritta l’architettura dell’intervento regionale e le sue principali componenti a livello di obiettivi, contenuti, approcci attuativi. Fra gli obiettivi operativi del piano vanno segnalati: il supporto agli autori, con particolare attenzione ai giovani, la valorizzazione di iniziative per la parità di genere e la green economy; l’internazionalizzazione delle imprese, anche tramite coproduzioni internazionali; la ricerca di produzioni cinematografiche italiane ed estere per promuovere le ricchezze del territorio; il sostegno alle attività promozione delle opere cinematografiche e audiovisive; la promozione di tecnologie innovative; il sostegno all’occupazione del settore, la diffusione del cinema su tutto il territorio regionale, la promozione di progetti di conservazione e restauro del patrimonio filmico.

Ostia, Gualtieri: bandi light per chioschi Settimocielo e Mecs

Ostia, Gualtieri: bandi light per chioschi Settimocielo e MecsRoma, 23 mag. (askanews) – Il Campidoglio ha pubblicato stamattina un bando “light” per permettere la fruibilità, a Capocotta, dei chioschi Settimocielo e Mecs Village, il primo ricostruito con superfetazioni abusive dopo una mareggiata, il secondo bruciato nell’imminenza del nuovo bando capitolino di assegnazione. Lo hanno spiegato in una conferenza stampa presso l’area del Settimocielo il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e l’assessora all’Ambiente capitolina Sabrina Alfonsi, che hanno presenziato all’avvio delle opere di demolizione.


“Per i lotti di Capocotta ‘C’ Settimocielo ed ‘E’ Mecs è uscito stamattina il bando temporaneo per la stagione di 4 mesi, per garantirne la fruibilità – ha annunciato il sindaco -. A settembre, a stagione conclusa faremo anche per questi un bando pluriennale 6+6, schema temporale per tutti i bandi, per pareggiare le condizioni per gli operatori”. “Si avvia oggi il processo di demolizione delle strutture abusive e combuste dei lotti – ha spiegato Alfonsi – mentre accelera anche il piano pulizia delle spiagge affidato a Ama, che riguarda vagliatura della sabbie e pulizia rafforzata del lungomare”.


Ama smaltirà come rifiuti ordinari il demolito dell’ex chiosco queer di Capocotta, mentre il residuo combusto del Mecs village sarà smaltito con fondi del dipartimento Ambiente come rifiuto speciale. “La fruizione potrà essere molto veloce – ha assicurato Alfonsi -. In 10-12 giorni saremo in grado di consegnare le aree dopo i lavori, dell’entità. l bando è modellato sull’esperienza della spiaggia urbana Tiberis e per questo auspichiamo una sua messa a terra molto agile”.

Ostia, Gualtieri: assegnati chioschi Capocotta, cambiano 2 su 3

Ostia, Gualtieri: assegnati chioschi Capocotta, cambiano 2 su 3Roma, 23 mag. (askanews) – Il Campidoglio accelera con la riapertura della spiaggia libera di Capocotta. Il sindaco Roberto Gualtieri, accompagnato dall’assessora all’Ambiente Sabrina Alfonsi e dal presidente del X Municipio Mario Falconi ha comunicato, in un appuntamento in riva al mare, i vincitori del bando pubblico per l’assegnazione dei tre chioschi (ex Dar Zagaja, Mediterranea e Porto di Enea), che li gestiranno per i prossimi sei anni, concessione rinnovabile per altri sei.


Tra 50 candidati, il Mediterranea (lotto B per 43mila mq di spiaggia e 188 di chiosco), ha annunciato Gualtieri “è stato affidato alla cooperativa Crea: su una base d’asta di 27mila euro ribassati a 20mila pagheranno un canone da 40 mila euro l’anno”. Il Porto di Enea (cosiddetto lotto D per 51 mila mq di spiaggia e 188 di chiosco) è stato assegnato al raggruppamento Fonte Ostiense-Il Melograno, dal quale avremo un canone da 45mila euro”. In questi due casi sono stati confermati i precedenti gestori. Per quanto riguarda invece l’ex Zagaja (cosiddetto lotto A, 23mila mq più chiosco di 222 mq), si cambia gestione “ha vinto la ditta Pianelli, dopo una base d’asta a 32 mila euro ribassata a 25 – ha spiegato Gualtieri – con lo scorporo della manutenzione delle dune, avremo un canone annuo che è salito a 52 mila euro l’ anno”. Sono fuori, dunque, le eredi dello storico gestore del chiosco, figurante di Cinecittà. Ma Pianelli non è ‘nuovo’ al litorale laziale: “gestisce gli stabilimenti della polizia a Maccarese e della Guardia di Finanza a Ostia”, ha precisato l’assessora Alfonsi.


“Oggi è una giornata storica perché si finalizza il primo tassello di un lavoro molto importante per ricondurre alla legalità amministrativa la gestione del mare di Roma – ha spiegato Gualtieri -, e rafforzare la sua sua valorizzazione ambientale e turistico-balneare”. “Abbiamo fatto un bando dopo 24 anni, indispensabile, ed è stato molto partecipato. Siamo contenti anche perché uno dei vantaggi del bando – ha ricordato Gualtieri – è che alcune offerte hanno raddoppiato il valore del canone concessorio mettendo a disposizione dell’amministrazione più risorse per l’oasi naturale”. Sono stati messi a bando i chioschi, la cura delle dune, la pulizia, la ristorazione i e servizi di sorveglianza agli sport acquatici.


“Molte persone dicono di non sapere che Roma è una città di mare – ha commentato Gualtieri -, per troppi anni il Municipio era stato lasciato solo. Tutte le cose di merito sono state decise insieme al Municipio – ha aggiunto – ma Roma ha messo a disposizione le spalle forti dell’amministrazione centrale per sbrogliare una matassa complicate e rimettere in moto un percorso ordinario”.

Smog, a Roma “Apnea Against Pollution” con campionessa Zecchini

Smog, a Roma “Apnea Against Pollution” con campionessa ZecchiniRoma, 23 mag. (askanews) – Legambiente, nel cuore di Roma, torna a porre l’attenzione sulla qualità dell’aria nelle città italiane grazie all’evocativa e suggestiva installazione “Apnea Against Pollution” ideata in collaborazione con le agenzie del Gruppo Publicis Leo Burnett e MSL, giunta dopo Milano alla sua seconda tappa italiana. Roma, con il suggestivo sfondo del Colosseo, il luogo scelto per l’installazione e la performance della primatista mondiale romana Alessia Zecchini che ha trattenuto il respiro per 4 minuti e 50 secondi per lanciare un messaggio chiaro. Un gesto forte alla presenza di migliaia di turisti e romani, per sensibilizzare politica e cittadinanza, chiedendo azioni concrete di contrasto allo smog in una città dove la più alta concentrazione di smog registrata all’inizio del 2024 è stata 2.5 volte superiore alla soglia di sicurezza raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ad assistere alla performance della campionessa, c’era anche Sabrina Alfonsi assessore all’Ambiente di Roma Capitale.


“Per migliorare la qualità ambientale nella Capitale la soluzione non è smettere di respirare, ma smettere di inquinare. Non possiamo tappare il naso in un cubo di smog che ci imprigiona – commentano Stefano Ciafani e Roberto Scacchi rispettivamente presidente nazionale e regionale di Legambiente -, vogliamo tornare a respirare aria pulita, senza biossido di azoto e polveri sottili e lo diciamo con forza, grazie a questa iniziativa dal forte impatto e grazie ad Alessia Zecchini con la sua performance e la sensibilità sul tema. C’è bisogno di interventi risoluti e siamo qui per ribadirlo: partendo dal potenziamento del trasporto pubblico su ferro, il TRM e le reti ciclo-pedonali; passando per l’elettrificazione di tutti i veicoli pubblici, la generazione di energia sostenibile e l’aumento e rafforzamento del patrimonio naturale e, soprattutto, la riduzione drastica dello spropositato numero di auto sulle nostre strade, la realizzazione di low e zero emission zone, Fascia Verde, Congestion Charge… È questo che serve alla Capitale e ben vengano i progetti dell’amministrazione in tal senso, per raggiungere veramente gli obiettivi di neutralità climatica ed emissioni zero, per rientrare nei nuovi parametri di qualità dell’aria indicati dall’Europa e migliorare la qualità dell’ambiente e della vita”. A Roma – segnala Legambiente – la media giornaliera nel 2023 di presenza di PM10 è stata di 24 µg/mc (microgrammi per metro cubo di aria), e per raggiungere i nuovi obiettivi europei c’è bisogno di una forte riduzione del 17%; la media di PM2,5 è stata di 13 µg/mc e la riduzione necessaria è del 21%; la media per l’NO2 (biossido di azoto) è di 32 µg/mc e la riduzione necessaria è ben del 37%.


“Oggi abbiamo voluto sostenere con tutto il nostro impegno, quanti si battono per la riduzione dell’inquinamento nelle nostre città e in particolare a Roma – commenta Alessia Zecchini, campionessa e primatista mondiale di apnea -. Preservare la qualità dell’aria, invisibile e preziosa, deve essere un obiettivo prioritario per la cittadinanza e le amministrazioni, e con questa apnea vogliamo accrescere la sensibilità, verso le scelte più giuste a tutela della nostra salute e dell’ambiente, da uno dei luoghi più straordinari del Mondo”. L’evento sotto il Colosseo si svolto con il patrocinio del Comune di Roma, assessorato Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti e Assessorato alla Mobilità. “Sotto il profilo della qualità dell’aria a Roma c’è ancora molto da fare, e il nostro obiettivo resta quello di restituire ai romani una qualità dell’aria migliore di quella che respirano oggi. – commenta Sabrina Alfonsi assessora all’Ambiente di Roma Capitale -. Attraverso gli strumenti di programmazione di cui ci siamo dotati, come il Piano Clima e il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile, stiamo mettendo in campo un lavoro che guarda alle comunità energetiche, alla forestazione urbana, alla rigenerazione dello spazio pubblico in funzione di una migliore qualità ambientale. Un lavoro di programmazione importante che ci restituisce una visione della Roma del prossimo futuro come città più sostenibile e a misura di cittadino. Oggi la sfida a livello politico è questa. Le città non ce la possono fare se vengono lasciate sole di fronte alle sfide del cambiamento”.


La Capitale, oltre a dover ridurre drasticamente i principali inquinanti atmosferici in tempo per l’entrata in vigore della nuova Direttiva sulla Qualità dell’Aria (AAQD), si è impegnata nella Missione per la Neutralità Climatica e Smart City. Due traguardi da raggiungere tassativamente entro il 2030. Dunque, solo sei anni per varare le necessarie politiche antinquinamento e portare avanti con convinzione quelle già pianificate, senza alcuna incertezza. Per questo, accanto ad una buona dose di risolutezza, secondo Legambiente l’Amministrazione dovrà mettere in campo una massiccia e capillare campagna di informazione rivolta ai cittadini, non soltanto per generare la necessaria consapevolezza sui problemi legati all’inquinamento e sugli impegni all’orizzonte, ma anche per rassicurare i romani e le romane sulla trasformazione in atto e le prospettive di miglioramento, dando così a tutti la possibilità di organizzare le proprie abitudini di mobilità in base alle nuove regole.


La performance dell’apneista che, come atto di protesta trattiene il respiro, è anche un invito a sottoscrivere la petizione di Legambiente “Ci siamo rotti i polmoni. No allo smog!” con cui si chiede alle istituzioni di attuare una serie di interventi che migliorino efficacemente la qualità dell’aria.

Termovalorizzatore Roma, Gualtieri: gara aggiudicata entro estate

Termovalorizzatore Roma, Gualtieri: gara aggiudicata entro estateRoma, 22 mag. (askanews) – Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri sceglie i suoi social per dare la notizia dell’apertura della busta dell’unico raggruppamento industriale presentatosi al bando per la costruzione del nuovo termovalorizzatore di Roma. “Andiamo avanti con il termovalorizzatore di Roma: lunedì è stata aperta la busta del bando pubblico per la realizzazione dell’impianto e debbo dire che la presentazione dell’offerta che è arrivata dal raggruppamento guidato da Acea è un’ottima notizia per la città”, spiega Gualtieri in un video.


“Ora verranno fatte tutte le dovute verifiche e valutazioni previste dalla legge – continua il sindaco -. Comincia una nuova fase operativa con l’obiettivo di arrivare all’aggiudicazione definitiva prima dell’estate. Quindi avanti tutta, per aprire il cantiere del termovalorizzatore tra la fine del 2024 e l’inizio dell’anno prossimo. Vogliamo cancellare una volta per tutte il ricorso alle discariche e la vergogna di un modello costoso, inquinante e inefficiente”. Roma, sottolinea Gualtieri, “vuole rivoluzionare il ciclo dei rifiuti e trattarli in proprio, e costruire finalmente un’autonomia impiantistica come tutte quante le altre capitali europee e le grandi città italiane hanno già fatto. Indietro non si torna”.

Cybersecurity, premiati progetti Istituti tecnologici superiori

Cybersecurity, premiati progetti Istituti tecnologici superioriRoma, 21 mag. (askanews) – Una sfida per combattere l’emergenza del cyberbullismo arriva dagli studenti degli Istituti Tecnologici Superiori.  Si è svolta oggi al Forum PA 2024 la premiazione dei tre progetti finalisti del contest nazionale ‘Let’s Cyber Game’ rivolto agli studenti degli ITS Academy dell’area tecnologica ICT presenti in Italia. L’iniziativa, promossa dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy con il supporto del competence center Cyber 4.0 e di Invitalia, ha come obiettivo quello di sviluppare videogiochi che promuovano la sicurezza informatica e il contrasto al cybercrime.


I tre vincitori su dieci finalisti ammessi sono il team Shard Tower dell’ITS Academy Lazio Digital che con il gioco Cl!ckB4IT si è aggiudicato il primo premio, team Alcadata della Fondazione ITS Apulia Digital Maker che con il progetto Cyber Defender si è classificato secondo. Infine il team Bean Team della Fondazione ITS Rossellini che con il gioco CODENAME: Violet ha conquistato il terzo posto. Il cyberbullismo e l’adescamento online rappresentano problemi sempre più emergenti, basti pensare che nel 2023 sono stati documentati 291 casi e le vittime sono soprattutto minori tra i 10 e i 13 anni. Il concorso vuole proprio sensibilizzare i ragazzi su queste tematiche e usare le dimensioni e gli elementi del gioco per innalzare il livello di attenzione sulla necessità di utilizzare la rete in modo responsabile. Oltre a questo obiettivo fondamentale, l’iniziativa persegue anche altre finalità: promuovere la cultura dell’innovazione tecnico-scientifica e dell’auto-imprenditorialità giovanile, favorire la nascita di un “living lab diffuso” su scala nazionale, all’interno del quale si articolerà il progetto di ricerca applicativa, e si stimolerà il confronto e lo scambio di idee innovative e inedite prospettive di visione creativa. Le dieci squadre finaliste, provenienti da diverse regioni italiane, hanno presentato i propri progetti, al termine la Commissione tecnica ha annunciato i tre vincitori ai quali è stato consegnato rispettivamente un premio di 15.000, 10.000 e 5.000 euro come buono acquisto in in materiali tech/visita studio.


“La grande e diffusa partecipazione degli studenti al contest Let’s Cyber game  è la testimonianza di quanto il sistema dell’istruzione professionalizzante ITS possa contribuire alla consapevolezza dei rischi dai cyber attacchi utilizzando i nuovi e più diffusi linguaggi”, ha commentato Euclide Della Vista Coordinatore area ICT della RETE ITS ITALY.